ItalianoEnglishEspanol
Copyright © 2011 laventa.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA: 03233190267

 

The Association La Venta is a research group that organizes and runs various geographical exploration projects with particular attention to the underground world. Such projects are carried out using a multi-disciplinary approach, developing new ideas and using new research and dissemination strategies.
To achieve this goal, La Venta uses human resources and techniques acquired over twenty years of research carried out in extraordinary environments such as rain forests, depths of glaciers, remote mountains and endless underground labyrinths.

 
Due giorni a San Joaquin
There are no translations available.

chp2015a_01Chiapas, Municipalità di Berriozabal, da 4 giorni siamo in Messico con una nuova spedizione. E subito dopo un paio di giorni spesi ad ambientarci e preparare materiali eccoci ad esplorare la prima grotta.
Grazie alla segnalazione di Adrian, nella riserva naturale della Pera, dove lo scorso anno abbiamo già esplorato varie grotte, ci ritroviamo sul bordo di un grande pozzo. Dopo un breve giro troviamo un paio di accessi più semplici a pochi metri.
Due pozzetti paralleli di 7 metri. Da lì un breve meandro con passaggi in arrampicata ci riporta al gran pozzo una ventina di metri più in basso su una finestra laterale. Un veloce armo e l’eccitazione di scendere giù. Circa trenta metri più in basso lo spettacolo, alzando gli occhi, è notevole. Il pozzo è illuminato a giorno da due ingressi che visti da qui sembrano due occhi ammiccanti. Ci augureranno buona fortuna? Intanto da ora danno il nome alla grotta. Los ojos (gli occhi) de San Joaquin (dal nome della località)
Ancora vari passaggi in arrampicata non banali e un pozzo cieco. Purtroppo i giochi per oggi finiscono qui.
Ma speriamo siano solo l’antipasto per questa spedizione!

 
Saving the Arbol de Navidad!

Dim lights




 
Flying over prehistoric worlds

Profonde griete2600 km of flight between the basin of the Caronì and of the Upper Orinoco, 25 hours among the clouds, spotting mountains like islands in a sea of trees. 18 takeoffs and landings on clay strips and blooming lawns. 2978 photographs of valleys, walls, waterfalls, grietas and huge entrances of unexplored caves.
These are just some of the figures that have characterized the "Amazonas Tepui" survey, ending these days in Venezuela. A journey that has clarified the potential of massifs that until now we have only dreamed about, and that now have become a real landscape, even beyond the expectations of our dreams.
We have begun this journey taking off from Puerto Ayacucho, the last town bordering the Upper Orinoco. Flying over granite mountains and boundless forests, we have landed in La Culebra valley, a heavenly place surrounded by one of the largest massifs in the Amazonian quartzites: Duida to the south (2358 m high, 131 km2 of plateau), Marahuaca to the east (2832 m high, 131 km2 of top surface) and the smaller but elegant Huachamacari to the north (1900 m high, 8 km of top surface).